+356 99502708
Select Page

L’ENERGIA DEI CHAKRA

Cosa sono i CHAKRA?

La dottrina dei chakra e’ molto antica ed e’ presente in numerose culture. Ciascuno di noi può conoscere la loro energia e rinforzarla diventando consapevole delle proprie potenzialità‘.

Risultati immagini per i chakra

 

In sanscrito il termine chakra significa ruota di luce. I chakra sono ruote di luce in movimento dentro e attraverso il sistema energetico individuale.

I chakra principali presenti nel corpo fisico sono 7 ma esistono di piu’ . Esistono anche i chakra secondari,oltre a quelli principali e sono situati all esterno del corpo.

Il sistema dei 7 chakra e’ quello più’ usato e più’ noto.

I chakra regolano e gestiscono gli aspetti fisici, mentali, emozionali  e spirituali del nostro organismo.

Si potrebbero paragonare a delle porte d’ingresso tra corpo, mente ed anima.

Come funzionano i chakra

I sette chakra posti all’interno del corpo umano sono i più’ noti perché’ gran parte delle delle nostre attività‘ come individui sono associate ai chakra di tipo fisico. I chakra presenti nel nostro corpo sono inseriti lungo tutta la colonna vertebrale e sono di forma conica.

                                                                                              ABBIAMO COSI :                                                                                                 Risultati immagini per i sette chakra

1. il primo chakra– zona delle anche o genitale

2.il secondo chakra-addome

3.il terzo chakra-plesso solare

4.il quarto chakra-cuore

5. il quinto chakra-gola

6.il sesto chakra-fronte

7.il settimo chakra-corona(la fontanella dei neonati)

I sei chakra inferiori sono doppi,cioè’ una estremità’ esce a spiale sulla parte frontale e l’altra sulla parte posteriore.

Caratteristiche dei chakra

I chakra vengono associati a seconda del posto dove sono collocati.

I chakra che si trovano piu in basso sono fisicamente piu in contatto con la terra e riguardano sopratutto gli aspetti materiali, concreti e pratici della vita.

I chakra superiori, interessano mente e pensiero e sono in relazione con gli aspetti non fisici e collegati alla comunicazione, parole, immagini.

Il flusso energetico dei chakra esprime i differenti livelli di consapevolezza che sono collegati ai 4 elementi naturali TERRA, ACQUA,FUOCO,ARIA a cui si aggiungono altri tre componenti: Pensiero, Luce, Suono.

Risultati immagini per i chakra

La TERRA è l’elemento base quello che richiama la stabilita e concretezza ma che può trasformarsi anche in arridità e sterilità.

L’ACQUA simboleggia purezza ed e’ l’elemento che trasmette l’idea di mutamento, capacità di adattamento e vitalità. Anche l’acqua ,come la terra, può trasformarsi in forza distruttrice, come nei maremoti e nelle alluvioni.

Il FUOCO, il centro della terra,  è luce, calore e forza. Trasforma tutto quello con cui viene in contatto, cambiandone la forma e la consistenza, talvolta distruggente.

L’ARIA è connessa all’idea di leggerezza, e’ ciò che ci permette di di respirare, che trasporta suoni e odori, che muove quello che incontra nel suo cammino.

I SETTE CHAKRA

 IL PRIMO CHAKRA o MULADHARA- Il chakra della radice 

Il primo chakra si chiama Muladhara che in sanscritto significa “radice”. Il chakra della radice si trova alla base della colonna vertebrale, tra l’ano e i genitali. Simbolicamente questa area corrisponde al diritto di esistere sulla terra, la nostra sicurezza materiale come cibo, acqua, vestiti e tutto quello di cui ha bisogno il nostro corpo. Nello stesso modo anche le necessita’ del nostro spirito, il diritto di realizzarsi, diventare ed essere quello che desideriamo.

Quando i bisogni dell’istinto di sopravvivenza non vengono soddisfati la nostra mente resta bloccata perché’ questi bisogni diventano il nostro unico pensiero.

Si vive in forte stato di stress senza riuscire a pensare ad altre cose per realizzare noi stessi.

Muladhara e’ rappresentato dal colore rosso, alla terra, all’ofato, agli alimenti che contegono proteine, al tempo presente, ai piedi,alle gambe, alla colonna vertebrale, alle ossa e all’intestino crasso. Essendo collocato più in basso è collegato all’ambito della vita quotidiana.

SVADISHTANA-Il chakra sacrale o sessuale

Il secondo chakra Svadhishtana, significa dolcezza. Il secondo chakra e’ collegato al ventre, agli organi genitali, ai reni e alla vescica. Simbolicamente questa area corrisponde al diritto di emozionarci e di volere.

Se ci viene negato il diritto di provare emozioni, se non possiamo esprimerle o se non siamo in grado di ascoltare i nostri sentimenti perdiamo il contatto con noi stessi.

Non riusciamo ad avere una sessualità sana e non riusciamo a capire veramente quello che vogliamo.

La sessualità e la spiritualità trovano in questo punto il loro legame.

La forza contraria del secondo chakra e la colpa che ci inibisce privandoci del piacere e limitando i nostri rapporti. Spesso si cerca una soluzione buttandosi in piaceri secondari ed eccessivi come il bere, l’esagerazione sessuale o mangiare eccessivamente.

Il Svadishtana, il secondo chakra e’collegato al colore arancione, all’elemento acqua,al senso del gusto, al verbo “sentire”.

IL TERZO CHAKRA o MANIPURA-Il chakra del plesso solare o dell’ombelico

Il terzo chakra, MANIPURA, detto anche “gemma di luce” e’ il chakra associato al diritto di agire e di essere liberi, senza costrizioni culturali, sociali o famigliari.

Il chakra dell’ombelico si trova nella area del plesso solare, e rappresenta il centro del potere localizzato nello stomaco.

E a questo punto che si sviluppa il nostro senso di potere personale, la speranza di poter rendere le cose possibili per noi, la voglia di affrontare tutte le sfide con ottimismo con la fiducia di potercela fare.

La forza che contrasta questo chakra e’ la vergogna, questa emozione distrugge la nostra autostima.

Per paura di sbagliare non facciamo nulla e fuggiamo davanti alle sfide. Pensiamo di non essere capaci, ci sentiamo inadeguati senza riuscire a capire che abbiamo solo sbagliato il modo e che non e la nostra persona ad essere sbagliata.

I terzo chakra corrisponde all’elemento fuoco, al colore giallo, alla vista, al futuro, ai verbi “potere”e”volere”, al sistema nervoso centrale.

Il terzo chakra e’ importante per capire come cambiare direzione per seguire i propri talenti, per fare quello che si vorrebbe.

IL QUARTO CHAKRA o ANAHATA-Il chakra del cuore

Il quarto chakra, ANAHATA, significa distaccato.

Il quarto chakra esprime il nostro diritto di amare ed essere amati da altre persone, interamente e incondizionatamente.

Le relazioni con gli altri rispecchiano il rapporto che abbiamo con noi stessi, con il nostro”IO”interiore, se questo non e’ sano ne’ soddisfacente allora non lo sara neanche con gli altri.

La forza che contrasta questo chakra e’ il dolore.

Una carenza di energia nel chakra del cuore porta a ritirarsi di fronte al dolore e a controllare i propri sentimenti amorosi per paura di dover soffrire. Chi è stato ferito nel cuore raramente si lascia andare e rimane legato al passato non riuscendo a costruire altri legami nel presente.

Il quarto chakra è collegato all’elemento Aria, al colore VERDE, al senso del tatto, al verbo AMARE.

IL QUINTO CHAKRA o Il CHAKRA della Gola-Visshudda

Il quinto chakra, Vishuddha, che significa“Purificazione” appartiene al sistema dei chakra superiori, dove la libertà si manifesta maggiormente.

Il quinto chakra rappresenta il diritto di dire e ascoltare la verità.

Quando non troviamo qualcuno che ci ascolti veramente o quando siamo intrappolati dai segreti. Dicendo la verità acquistiamo un buon equilibrio interiore, non abbiamo paura di parlare, non abbiamo paura di quello che pensano gli altri, non ci limitiamo a dire quello che le persone vogliono sentire. Tutto questo significa accattarsi senza aver bisogno di negare la verità.

Il quinto chakra è collegato alla gola, sotto la laringe.

Questo chakra è associato al SUONO, al colore Azzurro, all’Udito, al passato, ai verbi ESSERE, COMUNICARE,ASCOLTARE

Il SESTO CHAKRA o Il CHAKRA della Fronte-AJNA

Il sesto chakra, AJNA, significa“comprendere”o “comandare. questa chakra esprime il nostro diritto di vedere . 

Il sesto chakra o AJNA è collegato all’elemento della LUCE, la luce è ciò che ci permette a vedere. Questo chakra ha lo scopo di portarci la luce della consapevolezza a tutto ciò che è fuori e dentro di noi e di attivare il terzo occhio.

La forza opposta o negativa a questo chakra è l’illusione. L’illusione ci impedisce di vedere in maniera corretta le cose, è una falsa speranza, uno spreco di energia che ci spinge verso le ossessioni e non porta alla soddisfazione.

Il sesto chakra è collegato all’elemento luce, al colore indaco, alle percezioni extrasensoriali, ai verbi vedere”e”intuire“.

IL SETTIMO CHAKRA o Il CHAKRA della Corona-SAHASRARA

Il settimo chakra, Sahasrara si trova al centro della calotta cranica.

Il settimo chakra ha lo scopo di metterci in contatto con il divino.  Solo quando i chakra inferiori sono stabili è possibile giungere all’identità finale, quella universale, dove ci identifichiamo con l’universo.

La forza contraria all’azione benefica di questo chakra è l’attaccamento. L’attaccamento ci impedisce di elevarci e di unirci con il cosmo. L’attaccamento è negativo quando diviene garanzia dall’allontanamento dal dolore. Alcuni tipi di legami sono necessari e non negativi, come quelli con la famiglia,i figli, con i nostri impegni. Il dolore se compreso può’ aiutarci e insegnarci delle cose.

Il settimo chakra è collegato all’elemento pensiero, al colore Viola,  ai verbi”sapere“e”conoscere“.

shares